Lettori fissi

lunedì 16 ottobre 2017

UNA PASSEGGIATA NEI GIARDINI DEL CASTELLO DI GRAZZANO VISCONTI (2)

Come, un altro post dal medesimo titolo?
Eh già ho trovato altre foto interessanti e non potevo non approfittarne per farvele vedere, così passeggiando ancora nel giardino possiamo parlare di altri aneddoti su Grazzano Visconti.


Nel precedente post vi avevo scritto che Grazzano è famosa per le botteghe artigiane, in particolare quelle che lavorano il ferro battuto, che viene lavorato artisticamente a martello come si usava nel passato.


Uno degli oggetti sicuramente più noti è il "gallo in ferro battuto".

(immagine presa dal web)

La spiegazione dell' ideazione del gallo in ferro battuto viene data attraverso un aneddoto: l'artigiano Borlenghi, leggendo il Vangelo, rimase colpito dal brano in cui l'apostolo Pietro rinnegava Cristo tre volte prima che il gallo cantasse; volendo rappresentarlo pensò di sintetizzarlo lavorando nel ferro un piccolo gallo alto cm.33 come gli anni di Cristo.

L'idea originale piacque parecchio tanto da rendere questo esemplare uno degli oggetti più noti di tutta la produzione artistica artigianale.


Altro simbolo importante di Grazzano Visconti è il biscione visconteo.

(immagine presa dal web)

Al Biscione visconteo è legata una leggenda che vuole illustrare la potenza militare di questa signoria risalente al 1300.
Si fanno risalire le origini della casata ad Ottone Visconte, comandante militare vittorioso che nella sua carriera aveva accumulato ben 7 vittorie su altrettanti nemici che portava segnate sul suo scudo con 7 corone.
In Terrasanta si trovò a combattere contro un guerriero saraceno ancor più temibile degli avversari fino allora avuti: costui aveva un'insegna con un dragone alato con in bocca Gesù Bambino, con la vittoria Ottone gli cambia l'insegna tramutandola nel Biscione con in bocca il saraceno.
Lo stemma, simbolo della famiglia dominante ed ideatrice della zona si trova naturalmente ovunque per tutto il borgo: scolpito nel ferro, nella pietra e dipinto.


Il biscione è talmente famoso che a Grazzano nel mese di Ottobre, si tiene "il torneo dello biscione", un giorno di festa, di giochi e ... di tiro con l'arco.


Spero che questa seconda passeggiata, ravvicinata alla prima sia stata altrettanto gradita e che le due insieme vi abbiano fatto venire voglia di scoprire Grazzano Visconti, se così fosse andate a visitare il sito ufficiale di Grazzano e se gli aneddoti che vi ho riportato vi sono piaciuti sul sito "turismo Piacenza", trovate questi e tanti altri.


Buona settimana a tutti, ci sentiamo al prossimo post.

18 commenti:

  1. Ciao Stefania,
    ma che dici? E' sempre un piacere passeggiare in mezzo alla natura e alla cultura :-)
    Buon inizio settimana,
    Sara

    RispondiElimina
  2. Grazzano è bellissima, è tanto che non ci vado, ma le tue foto me l'hanno fatta ricordare...grazie!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che è da molto che anche io non ci vado?
      Quasi quasi ...

      Elimina
  3. Uh mamma!!!! Ci andai in gita scolastica secoli orsono... ci tornerei volentieri e credo che oggi come oggi me la godrei di più Grazzano Visconti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè Grazzano ha il sui fascino sia da bambini che da adulti.

      Elimina
  4. Posti incantevoli con una natura meravigliosa. Vorrei tanto visitarli *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già i giardini sono sempre così belli

      Elimina
  5. ciao, mi devo scusare tantissimo con te, credevo di averti scritto per ringraziarti di avermi segnalato in un tuo posts di un mese abbondante fa, credevo di averti risposto a suo tempo ma...le cose che si fanno sempre di corsa....ti ringrazio qua e al più presto colgo l'occasione...molto bello questo tuo tour....un bacio.glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, nessun problema.
      Il tempo è sempre poco e siamo sempre di corsa.
      Sono felice che il tour sia stato di tuo gradimento.

      Elimina
  6. questo posto è incantevole, sembra fatato

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.