Lettori fissi

domenica 14 luglio 2024

CIAO BRENDA

Vi avevo promesso che il ritmo del blog sarebbe stato estivo, con un post a settimana, ma la notizia della scomparsa di Shannen Doherty, l'indimenticabile Brenda di Beverly Hills 90210, mi vede rompere questa promessa per dedicarle un post speciale.

La mia adolescenza è stata segnata dall'immancabile presenza di: Brenda, Brandon, Dylan, Steve, Andrea, Kelly. Donna e David.

(immagine presa dal web)

Per noi adolescenti degli anni '90, non erano solo dei personaggi televisivi, erano degli "amici" che ci hanno accompagnato in un periodo indimenticabile. Eravamo adolescenti che seguivano trepidanti le loro storie e che soffrivano e gioivano insieme a loro.

Voglio ricordare Shannen per il suo talento e la sua energia.
Era un'attrice straordinaria che ha dato vita ad un personaggio iconico.

(immagine presa dal web)

Ciao Brenda, adesso sei di nuovo insieme al tuo Dylan.

Stefania.

sabato 13 luglio 2024

9 ANNI DI BLOG

Era il 13 luglio di 9 anni fa quando, con tanta voglia di condividere, pubblicavo il mio primo post su questo blog. 
Da quel giorno, sono successe tante cose: ho scritto centinaia di articoli, ho conosciuto persone fantastiche e ho ricevuto tantissimi feedback che mi hanno permesso di crescere e migliorare.

Oggi, voglio festeggiare questo traguardo con tutti voi!

(immagine presa dal web)

Grazie a chi mi legge con assiduità, a chi commenta e a chi mi sostiene con affetto. Il vostro apprezzamento è il mio motore e mi spinge a continuare a fare del mio meglio.

In questi anni, il blog è diventato per me un luogo speciale, dove posso esprimere la mia creatività, confrontarmi con altri appassionati e condividere le mie passioni. È un posto virtuale dove mi sento a casa e dove ho imparato tantissimo.

Grazie per essere qui con me!

Stefania.

sabato 6 luglio 2024

ALFRED HITCHCOCK - L'UOMO CHE SAPEVA TROPPO

Regia: Alfred Hitchcock
Cast: James Stewart, Doris Day, Brenda De Banzie, Bernard Miles, Ralph Truman, Daniel Gélin, Mogens Wieth, Alan Mowbray, Hillary Brooke, Christopher Olsen, Reggie Nalder, George Howe, Richard Wordsworth, Alexi Bobrinsky, Alix Talton, Carolyn Jones
Durata: 120'
Genere: thriller, spionaggio
Nazione: Stati Uniti d'America
Anno: 1956


La pellicola di cui parleremo oggi tratta un tema molto caro ad Hitchcock, un uomo normale si ritrova suo malgrado coinvolto in una vicenda a lui totalmente estranea e dovrà combattere per salvarsi e smascherare i colpevoli.
Insomma un tema che se vi ricordate era presente anche in altri due film di cui abbiamo già parlato: Intrigo Internazionale e Frenzy.

(immagine presa dal web)

La nostra storia inizia in Marocco, dove il dottore Ben McKenna e la moglie Jo, ex famosa cantante, si trovano in vacanza insieme al figlio Hank.
Sull'autobus che li porta a Marrakech, la nostra famiglia incontra Louis Bernard, un francese dall'aria alquanto gentile.

Il giorno successivo i McKenna andranno in visita al mercato, insieme ad una coppia inglese conosciuta la sera prima; durante la visita un uomo vestito con l'abito tipico del luogo viene pugnalato a morte sotto i loro occhi.
Il dottore gli corre subito incontro per soccorrerlo e così lo riconosce, è Louis Bernard.
L'uomo prima di morire gli rivelerà che un importate uomo di stato stà per essere assassinato a Londra.

Questa rivelazione sarà la causa di tutti i guai del nostro dottore, a cominciare dal rapimento del figlio, intorno al ritrovamento del quale si svolge poi tutta la nostra storia.

(immagine presa dal web)

Credo che molti di voi conoscano alla perfezione questo film, ma se ci fosse qualcuno che non lo avesse visto glielo consiglio vivamente.
La storia è ricca di suspense ma anche di momenti ironici.
Quel genere di ironia che solo Hitchcock era in grado di inserire nei suoi thriller.

(immagine presa dal web)

A proposito di Hitchcock ... il suo "cameo" in questo film è difficilissimo da trovare e infatti non mi ero affatto accorta di averlo visto passare.

Vediamo un po' chi di voi è così bravo da individuarlo nella fotografia qui sopra.

Stefania.

sabato 29 giugno 2024

DIAMOND PAINTING - SOTTOBICCHIERI 002

Con non poche difficoltà, date dalla cervicale che non ne voleva sapere di passare e del tempo piovoso che non ha aiutato la guarigione, sono finalmente riuscita a portare a termine tutti i sottobicchieri.


Questo tema del mandala mi è molto caro e devo dire che trovo i sottobicchieri uno più bello dell'altro.

I mandala rappresentano l'universo, l'armonia e la connessione tra tutte le cose. Trovo che siano un'ottima fonte di ispirazione e di pace interiore.


Negli ultimi anni, sono diventati popolari anche in Occidente, dove molte persone trovano che colorare o meditare sui mandala può essere un'esperienza molto rilassante e centrante.


Così come negli anni '50 la popolarità dei sottobicchieri aumentò notevolmente con l'ascesa della cultura dei cocktail e dei bar. Fu in questo periodo infatti che i sottobicchieri divennero oggetti da collezione e simboli di status sociale.


Alcune delle prime tracce di oggetti simili a sottobicchieri si possono trovare in antiche civiltà come quella egizia e romana. Piatti e vassoi venivano utilizzati per proteggere le superfici dai liquidi rovesciati durante i banchetti e le riunioni sociali.


Oltre a proteggere le superfici, i sottobicchieri possono anche essere utilizzati per riconoscere il proprio bicchiere, soprattutto se ci si trova ad una festa. In questo modo, aggiungono un tocco di colore in più all'ambiente.

Stefania.

lunedì 24 giugno 2024

BLOG ATTIVO MA CON UN NUOVO RITMO "ESTIVO"

Mentre molti blogger si prendono una pausa estiva, io ho deciso di tenere il blog attivo, ma con un ritmo più rilassato: un nuovo post ogni settimana, per l'esattezza il sabato.

L'estate è un momento per ricaricare le batterie e dedicarsi ad altre attività, ma non voglio privarvi dei contenuti che vi piacciono. Un post a settimana mi permetterà di continuare a condividere con voi le mie passioni e idee, senza gravare troppo sul tempo libero.

(immagine presa dal web)

In questo periodo estivo non ho solo intenzione di riposarmi, ma ho anche alcune idee in testa per il blog che vorrei sviluppare in attesa dell'autunno, quando tutti riprenderanno a pieno ritmo le loro attività.

Per cui mi raccomando, rimanete sintonizzati.

Stefania.

giovedì 20 giugno 2024

GIANNI RODARI - FILASTROCCA DELL'ESTATE

Buongiorno a tutti!!!
Il calendario dice che oggi ha inizio l'estate e quindi è ora di iniziare a pensare alle vacanze. 

Mare, 

(immagine presa dal web)

montagna 

(immagine presa dal web)

o quest'anno si resta in citta?

(immagine presa dal web)


Filastrocca dell’estate
Gianni Rodari

Filastrocca vola e va
dal bambino rimasto in città.

Chi va al mare ha vita serena
e fa i castelli con la rena,
chi va ai monti fa le scalate
e prende la doccia alle cascate
E chi quattrini non ne ha?
Solo, solo resta in città:
si sdrai al sole sul marciapide,
se non c’è un vigile che lo vede,
e i suoi battelli sottomarini
fanno vela nei tombini.

Quando divento Presidente
faccio un decreto a tutta la gente;
Ordinanza numero uno:
in città non resta nessuno;
ordinanza che viene poi,
tutti al mare, paghiamo noi,

inoltre le Alpi e gli Appennini
sono donati a tutti i bambini.
Chi non rispetta il decretato
va in prigione difilato.

Stefania.

venerdì 14 giugno 2024

PILLOLE DI STORIA - PIACENZA LA CITTA DELLE 3 C

Piacenza, città ricca di storia e cultura, è soprannominata la "città delle tre C": scopriamole insieme nel post di oggi.

CHIESE

Piacenza vanta un patrimonio religioso di notevole pregio, con oltre cento chiese distribuite tra il centro storico e le frazioni. 

Queste sono scrigni di tesori artistici e architettonici che raccontano la storia della città e della fede dei suoi abitanti.

(immagine presa dl web)


CASERME

Piacenza, vista la sua posizione strategica, era un importante snodo di vie di comunicazione e un caposaldo militare. Nel corso dei secoli, diverse caserme sono state edificate all'interno delle mura cittadine e nelle zone limitrofe.

Durante il XX secolo, con la professionalizzazione dell'esercito italiano e la riduzione delle dimensioni delle Forze Armate, molte caserme di Piacenza sono state dismesse. Alcune sono state convertite ad altri usi, come ad esempio sedi universitarie o centri culturali, mentre altre sono state abbandonate.

(immagine presa dl web)


CONVENTI.

La città era ricca di conventi di ordini religiosi diversi, come i domenicani, i francescani e gli agostiniani. Questi conventi svolgevano un ruolo importante nella vita sociale e culturale della città, offrendo istruzione, assistenza ai poveri e spazi per la preghiera e la meditazione.

Nel corso del tempo, molti conventi sono stati soppressi o convertiti ad altri usi. Tuttavia, alcuni di essi sono ancora presenti e conservano un importante patrimonio storico e artistico.

(immagine presa dl web)

Stefania.