Lettori fissi

domenica 26 giugno 2022

DAL MIO PRECEDENTE BLOG: LA BAMBOLA "TRASFORMISTA"

Proseguiamo con le bambole di feltro, riproponendo questa creazione totalmente ideata da mia mamma; ma che ne dite se diamo la parola alla bambola ... così ci racconta qualcosa di sè?

Pulisci di qua,


pulisci di là.


Uffa che noia lavare il pavimento, 



per non parlare poi del mal di schiena


a causa della posizione.


Per fortuna che dopo posso mettermi in tuta e fare un pò di ginnastica,


qualche spaccata


e magari due passi.


Stefania.

martedì 21 giugno 2022

DAL MIO PRECEDENTE BLOG: FIGLIA DEI FIORI

Come sapete anche mia mamma è dedita a fare dei lavoretti e negli anni ha sperimentato diverse tecniche;:
- la pasta al sale
- la pirka
- il feltro
insomma che più ne ha più ne metta.

Tra le cose che secondo me le sono venute meglio ci sono una serie di bambole che ha realizzato con il feltro, come quella che vi ripropongo nel post di oggi e il cui progetto arriva da una rivista della RENKALIK.

Avete presente gli anni '70 è i figli dei fiori?


I pantaloni a zampa di elefante,



le zeppe,


le trecce


e i fiori


che dite? E' o non è una "figlia dei fiori"?????


Stefania.

venerdì 10 giugno 2022

PILLOLE DI STORIA - CHIESA DI SANT'AGOSTINO (PIACENZA)

Nel precedente post di questa rubrica abbiamo parlato dell'ex-convento di Santa Chiara a Piacenza, situato lungo lo stradone Farnese, procedendo sempre lungo questa via si incontra l'imponente facciata della Chiesa di Sant'Agostino.





La chiesa è ormai sconsacrata da anni e quindi non più adibita al culto, in quanto durante il periodo napoleonico, fu utilizzata come caserma e venne mozzata la testa a tutte le statue contenute al suo interno.

Nel 2019 ha riaperto al pubblico come sede di una galleria d'arte. 

Stefania.

domenica 5 giugno 2022

HANNO SCRITTO PER VOI

Ho appena terminato la lettura di questo libro che raccoglie una serie di frasi di personaggi famosi.


A me le citazioni piacciono molto per cui il libro è stato molto apprezzato anche per altri due motivi, il primo è che ho potuto leggerlo con calma anche sfruttando tempi differenti e poi perchè le frasi in esso contenute sono suddivise per temi:
- Amicizia e amore
- Bene e male
- Dio
- Dolore
- Le età dell'uomo
- La felicità
- Follia e saggezza
- Genio e fama
- Guerra e pace
- Libertà
- Matrimonio e famiglia
- Natura e animali
- Noi e gli altri
- Il piacere
- Potere e democrazia
- Ricchezza e povertà
- Il tempo
- Uomini e donne
- Vizi e virtù

Ho letto questo libro tenendo in mano carta e penna e per ogni tema mi sono appuntata una o due frasi tra quelle che mi sono piaciute di più.

Alla fine ho ripreso quelle frasi, le ho rilette e ne ho scelte tre che voglio condividere con voi sempre in questo post, che come avete capito è un pò più lungo del solito.


Anna Frank

(immagine presa dal web)

Quanto sarebbero buoni gli uomini, se ogni sera prima di addormentarsi rievocassero gli avvenimenti della giornata e riflettessero a ciò che v'è stato di buono e di cattivo nella loro condotta!


Giacomo Leopardi

(immagine presa dal web)

Col perfezionamento della società, col progresso dell'incivilimento, le masse guadagnano, ma l'individualità perde: perde di forza, di valore, di perfezione e quindi di felicità.


Dalai Lama

(immagine presa dal web)

Prendersi cura del pianeta è come curare la propria casa e poichè noi esseri umani viviamo e siamo immersi nella natura, è assurdo distruggerla e rovinarla.

Stefania. 

mercoledì 1 giugno 2022

DAL MIO PRECEDENTE BLOG: SOTTOBICCHIERI COLORATI

Festa, bambini, schiamazzi, torta e bibite di vario genere; l'imperativo oltre ad divertimento è anche il colore.

Cosa ci può essere quindi di più bello che colorare una festa con tanti bei sottobicchieri?


Ovviamente dalle colorazioni differenti


e se poi si guarda bene sul fondo del bicchiere ...


si vede che qualcuno ci osserva.


Sono dei piccoli gufetti di feltro applicati con la colla a caldo, che personalizzano il sottobicchiere.



Quindi, cosa stiamo aspettando? Che si dia inizio alla festa!

Stefania.

mercoledì 25 maggio 2022

FILM - IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO

Regia: Lina Wertmüller
Cast: Paolo Villaggio, Isa Danieli, Gigio Morra, Sergio Solli, Paolo Bonacelli, Esterina Carloni, Mario Porfito, Filomena Lieto, Alessandra Detora, Raffaele Gioia, Adriano Pantaleo, Ciro Esposito, Luigi Lastorina, Mario Bianco, Dario Esposito, Carmela Pecoraro, Pierfrancesco Borruto, Ilaria Troncone, Anna Rita D'Auria, Ivano Salazaro, Salvatore Terracciano, Antonio Scotto Di Frega, Marco Troncone, Roberta Galli, Giuliano Amatucci, Pietro Bertone, Pietro Bontempo, Italo Celoro
Durata: 95'
Genere: commedia, drammatico
Nazione: Italia
Anno: 1992


Oggi parliamo di un film tutto italiano, tratto dal libro scritto dal maestro elementare Marcello D'Orta, che contiene una splendida raccolta di 70 temi di bambini napoletani.

(immagine presa dal web)

Il maestro di scuola elementare Sperelli, aveva fatto domanda di trasferimento in un paesino della Liguria Corsano, ma per un errore burocratico viene invece mandato a Corzano un paese in provincia di Napoli.

L'impatto per il povero maestro è piuttosto "forte", in quanto buona parte dei suoi alunni non partecipano regolarmente alle lezioni perchè devono lavorare e il povero maestro si ritrova così costretto ad andare a prenderli uno per uno.

Senza parlare della preside della scuola che non è mai presente e del bidello che in cambio di denaro, consegna ai bambini il gesso e la carta igienica, insomma un luogo dove le regole sono completamente diverse da quelle a cui è abituato il nostro maestro che viene dal Nord Italia.

(immagine presa dal web)

Ma il maestro Sperelli non si fà prendere dallo scoraggiamento, non demorde, perchè negli occhi dei suoi alunni vede il calore di chi lotta ogni giorno contro le avversità della vita e così riesce a creare un gruppo affiatato di bambini, facendo da esempio sia a loro che ai genitori.

(immagine presa dal web)

Un film questo di una dolcezza infinita, dove Paolo Villaggio abbandonati i panni del Ragionier Ugo Fantozzi, veste quelli di un maestro che è rimasto nei cuori di tutti coloro che hanno visto questa splendida pellicola.

Stefania.

sabato 21 maggio 2022

RETTIFICO LA MIA ESPERIENZA CON L'AUDIOLIBRO

Se vi ricordate vi avevo scritto che avevo avuto modo di sperimentare l'audiolibro, con il romanzo "ventimila leghe sotto i mari" (qui il rimando al post) e l'esperienza non era stata tra le più soddisfacenti, oggi però devo rettificare quanto scritto qualche mese fà.

(immagine presa dal web)

Dovete sapere che oltre ai romanzi mi piace molto leggere anche i libri sul "miglioramento personale" e navigando su Internet ho avuto modo di vedere i video pubblicati da Filippo Ongaro, ex medico degli astronauti ed esperto in medicina anti-aging.

Mi sono appassionata molto ai suoi video e dato che ha scritto anche parecchi libri ho pensato che potesse essere interessante leggerli, così quando ho scoperto che c'erano gli audiolibri con l'autore stesso come narratore ho voluto dare un'altra occasione all'audiolibro.

In questo caso l'esperienza è stata molto soddisfacente in quanto i libri letti li ho praticamente "divorati":
- IL METODO ONGARO
- SCELTE E SFIDE
- FORTE COME L'ACQUA
- FINO A CENT'ANNI


Alla fine per apprezzare l'audiolibro è bastato trovare il genere adatto e il narratore giusto.

Stefania.