Lettori fissi

mercoledì 21 giugno 2017

SHINING

Come vi avevo scritto qualche post fa, durante il mio periodo di assenza dal blog l'unico hobbies a cui sono riuscita a dedicarmi è stata la lettura e come avrete capito dal titolo del post uno dei libri che o letto è stato SHINING.

Avevo visto il film più volte anni or sono ed ero rimasta impressionata dall'interpretazione magistrale di JACK NICOLSON e come al solito quando vedo un bel film, tratto da un libro, vengo colta dall'istinto di leggerlo, poi questo era di Stephen King .... per cui ero ancora più curiosa.


La storia immagino che la conosciate tutti perchè il film è un culto, per cui in questo post non voglio dileguarmi sulla trama; il libro è qualcosa di decisamente inquietante e ricco di sorprese, a tratti diverso dal film e secondo me assolutamente migliore.

Pensavo che non si potesse mettere su carta l'ansia generata dal film con le immagini, ma Stephen King in questo è maestro e anche questa volta ne ha dato la dimostrazione.

Uno degli altri motivi per cui ho letto il libro è perchè speravo di trovare in quello una risposta ad un dubbio che ho sempre avuto guardando il film: qual'è il senso della foto finale dove si vede Nicolson in una festa del 1921 ambientata sempre nell'albergo.
Caspita cosa vuol dire?
Lui è sempre stato li?
L'albergo cattura le anime di chi muore lì?

(immagine presa dal web)

Accidenti, niente da fare nel libro non c'è ... questa è una "invenzione" di KUBRIK e così per dare risposta alla mia domanda ho dovuto cercarla sul web ... e la risposta è stata decisamente "sconcertante".

Per anni mi sono arrovellata il cervello pensando a chissà che cosa e alla fine pare che quella foto altro non sia che un "ringraziamento" che KUBRIK ha voluto rivolgere al regista svedese di un film muto del 1921, da cui pare abbia preso ispirazione per la famosa scena del bagno:

“Cappuccetto rosso, su apri la porta! Su apri, non hai sentito il mio toc toc toc? Allora vuoi che soffi, vuoi che faccia puff! Allora devo aprirla io la porta!…..Sono il lupo cattivo!!” 


Chissà se è veramente così ... oppure in realtà dietro alla foto ci stà qualcosa di altro?????

lunedì 19 giugno 2017

20.000 VISITE

Grazie a voi carissime amiche è stato raggiunto e superato un importante obiettivo del blog, le 20.000 visite e così nella nostra strada "deserta" aggiungiamo ancora due punte di verde.


Come non vi ricordate?

"giovedì 16 luglio 2015
CHE NE DITE DELLO SFONDO CHE HO SCELTO
Vi piace?
A me l'idea della strada è piaciuta un sacco.
Inizia una nuova avventura e abbiamo una lunga strada da percorrere insieme, mi piaceva come simbologia per il nuovo blog e poi c'è anche un'altra cosa, la strada inizia nel deserto, il luogo più arido e solitario che ci sia, anche il mio blog ricominciando da capo inizia la sua avventura nel "deserto", pochi lo conoscono pochi lo leggono ma spero che piano piano in questo deserto inizino a spuntare delle piante finchè un giorno non saremo tutti insieme in una bella foresta."


Da quì è nata l'idea di una foglia verde ogni 5.000 visite.
Forza aiutatemi a fare diventare questo deserto una foresta!

Il prossimo aggiornamento è a: 40.000 visite raggiunte.

sabato 17 giugno 2017

"IL BAULE DELLE MERAVIGLIE" - MARE E MONTI

Dato che l'estate è decisamente arrivata e che è ora di scegliere la meta per le vacanze, mi sembrava carino riproporvi questi due cuscini.

************************************************************************************

Dal mio precedente blog "mercoledì 23 maggio 2012"

Continua con questo post la carrellata sui lavori fatti dalle mie nonne.

Oggi voglio mostravi due cuscini realizzati con la tecnica del "ricamo tradizionale" e che rappresentano per l'appunto:

MARE


MONTI


Poveretti ... negli anni anni hanno subito parecchi assalti , basti pensare che io e mio fratello li utilizzavamo per fare a cuscinate; però devo dire che i ricami della nonna hanno retto bene alla nostra furia.

giovedì 15 giugno 2017

CHE CALDO


"Che fatica fare la mamma a tempo pieno e poi con questo caldo"



"Sapete che vi dico? ... io vado a prendermi un pò di fresco sotto l'acqua"


martedì 13 giugno 2017

CAMEO 9 TORTE - TORTA DI MELE

Sì lo sò fuori c'è un caldo infernale e anche solo l'idea di accendere il forno mette i brividi.
Però mia mamma aveva comperato un pò di tempo fà questo preparato della CAMEO con il quale si possono fare diversi tipi di torte


e quando aprendo la credenza l'ho visto, non sono comunque riuscita a trattenermi e così nonostante il caldo ho fatto la torta.


DI MELE OVVIAMENTE!!!



LA TORTA DI MELE CALZA A PENNELLO IN OGNI STAGIONE.
VOI CHE NE DITE?

domenica 11 giugno 2017

ALFRED HITCHCOCK - IL DELITTO PERFETTO


Per questo post ho scelto il film: IL DELITTO PERFETTO.

(immagine presa dal web)

Il film in questione è tratto da una opera teatrale che Hitchcock ampliò pochissimo rispetto all'originale.
La particolarità del film risiede nel fatto che è ambientato per il 99% in un appartamento (fatta eccezione per un paio di scene) ed è di fatto tra i film di Hitchcock uno dei più "limitati" in ambito di ambientazione; nonostante questo è coinvolgente e il film scorre senza che lo spettatore si chieda mai "caspita .... ma non hanno mai lasciato l'appartamento".

Si tratta di uno dei primi film girati da Hitchcock su pellicola a colori e ha utilizzato in maniera brillante anche questa tecnica, molto interessante è il fatto che quando la moglie è con il marito vesta di BIANCO, quando è con l'amante vesta di ROSSO.

(immagine presa dal web) 

(immagine presa dal web)

Una splendida Grace Kelly, vestita di ROSSO. Questo è stato il primo film che ha girato con Hitchcock e sicuramente una delle sue interpretazioni migliori,

(immagine presa dal web)

così come anche per Ray Millard, l'organizzatore dell'omicido perfetto .... nei confronti della moglie (molto attuale direi come trama).

Tutto organizzato nei minimi dettagli, ma quando arriva il momento fatidico tutto inizia ad andare "storto"; famosissima direi la scena del telefono, dove l'omicida cerca di strangolare la malcapitata vittima ma viene da lei ucciso.

(immagine presa dal web)

Simpaticissimo il personaggio del poliziotto che capisce subito che c'è qualcosa che non và (.... mi ricorda un pò il tenente Colombo ...) e di fatto si tende subito a schierarsi dalla sua parte .
Bellissima la scena in cui si scopre l'errore che permette al poliziotto di incastrare il marito.

(immagine presa dal web)

Come in tutti i film di Hitchcock anche quì è presente il "cameo" con la su apparizione, decisamente uno dei più difficili da individuare .... ma se non avete visto il film di certo non vi dirò dove compare .... il bello dei film di Hitchcock è anche "cercare le sue comparsate".

Altra nota molto interessante riguarda l'utilizzo del 3D.
Negli anni '50 infatti si  iniziò a fare film in 3D e essendo questo un film del 1954 Hitchcock era stato "obbligato" a girarlo in 3D e anche quì ha dimostrato il suo "genio"; ha infatti utilizzato il 3D per far sentire il pubblico in teatro, quindi mettendo in primo piano tutta una serie di oggetti (che venivano di fatto in 3D) e in secondo piano gli attori, in questo modo sembrava proprio di essere a teatro a vedere l'opera da cui il film era stato ispirato.

venerdì 9 giugno 2017

DONNE NELLA STORIA - CLEOPATRA


(immagine presa dal web)

Cleopatra fu l'ultima regina del Regno tolemaico d'Egitto e l'ultimo membro della Dinastia tolemaica.
Il nome "Cleopatra" significa in lingua greca "gloria del padre".
Oggi è probabilmente la più famosa di tutti i sovrani dell'Antico Egitto ed è conosciuta con il nome di Cleopatra, anche se fu la settima e ultima regina a possedere quel nome.
Cleopatra comunque non fu mai di fatto l'unica sovrana dell'Egitto, avendo regnato insieme al padre, al fratello, al fratello-marito e al figlio.

Cleopatra, nata presumibilmente ad Alessandria d'Egitto, era figlia del faraone Tolomeo XII Aulete e probabilmente di una concubina che si dice sia morta 3 anni dopo la nascita di lei.
Tra il 68 a.C. e il 59 a.C. nascono la sorellastra Arsinoe IV e i fratelli Tolomeo XIII e Tolomeo XIV.
Il padre la aveva nominata co-reggente poco prima di morire.
Cleopatra VII gli successe nella primavera del 51 a.C. insieme al fratello di dieci anni Tolomeo XIII, sposato secondo le leggi egizie.

Nella primavera del 48 a.C. Tolomeo, insieme con il consigliere Potino, nominato reggente del giovane faraone, tentò di deporre Cleopatra e di costringerla a lasciare Alessandria.
La regina radunò un esercito ed ebbe inizio una guerra civile.

In quel mentre lo sconfitto generale romano Pompeo arrivò in Egitto cercando rifugio dal rivale Giulio Cesare.
Tolomeo e Potino finsero di accettare la sua richiesta, ma il 29 settembre del 48 Potino fece uccidere Pompeo, nella speranza di ingraziarsi il favore di Cesare, ma quest'ultimo fece giustiziare Potino e iniziò a sistemare la confusa situazione egiziana, in qualità di rappresentante ufficiale di Roma.

Cesare convocò alla reggia Tolomeo e Cleopatra. Cleopatra che temeva di cader vittima di un agguato del fratello ricorse a uno stratagemma. Si fece avvolgere da un suo fedele amico in un grande tappeto legato con una cinghia. L'amico si presentò a Palazzo con il lungo involto sulle spalle e dicendo di dover consegnare un dono a Cesare e arrivò fino agli appartamenti del console. Qui al suo cospetto srotolò il tappeto e fu così che gli comparve davanti Cleopatra. La regina indossava gli abiti più sontuosi e succinti, i gioielli più pregiati e gli chiese protezione dal fratello. Le fonti narrano che l’effetto fu irresistibile e che i due divennero amanti quella notte stessa.

Tolomeo, ancora determinato a deporre Cleopatra, si alleò con la sorella Arsinoe e insieme organizzarono un esercito, che nel dicembre del 48 si scontrò nella città di Alessandria con quello di Cesare e Cleopatra
Le legioni romane subirono una pesante sconfitta e lo stesso Cesare per salvarsi da morte sicura fu costretto a fuggire gettandosi in mare.

L'arrivo di rinforzi da Pergamo nel febbraio del 47 offrì la vittoria a Cesare e Cleopatra.
Il 27 marzo dello stesso anno sul fiume Nilo avvenne lo scontro finale tra le truppe di Tolomeo e quelle di Cesare. La battaglia si concluse con la sconfitta e la morte dello stesso Tolomeo.

Cleopatra, rimasta unica sovrana dell'Egitto, nominò co-reggente il fratello più giovane Tolomeo XIV.

La relazione tra Cesare e Cleopatra, dalla quale nacque un figlio, Tolomeo Cesare detto Cesarione, aveva per entrambi scopi politici: il dittatore romano doveva assicurarsi il controllo dell'Egitto, importante per le sue risorse finanziarie, mentre Cleopatra sperava con essa di ottenere per il paese una posizione di privilegio all'interno dell'impero.

Nel 44 a.C. vi fù la morte di Cesare.
Nell'estate dello stesso anno morì Tolomeo XIV per motivi di salute , che subito dopo designò Cesarione suo co-reggente, prendendo il nome di Tolomeo XV Cesare.

Nel 42 a.C., Marco Antonio, uno dei triumviri che governavano Roma in seguito al vuoto di potere conseguente la morte di Cesare, chiese a Cleopatra di incontrarlo a Tarso per verificarne la lealtà. Antonio poi la seguì ad Alessandria, dove rimase fino all'anno successivo. Dalla loro unione, nacquero due gemelli Cleopatra Selene e Alessandro Helios.
Quattro anni dopo Antonio incontrò Cleopatra ad Antiochia, dove si sposarono, anche se il triumviro era legato ad Ottavia, sorella di Ottaviano. Poco dopo nacque un altro figlio, Tolomeo Filadelfo. Ottavia venne rimandata a Roma. Dopo la conquista dell'Armenia, nel 34 a.C., condotta da Antonio con il contributo finanziario egiziano, entrambi celebrarono il trionfo ad Alessandria.

La politica di Cleopatra e Antonio, tesa a dominare tutto l'Oriente, favorì la reazione di Ottaviano, che accusò la regina di minare il predominio di Roma e convinse i Romani a dichiarare guerra all'Egitto.

Fu a fronte della sconfitta che Cleopatra si rinchiuse nel mausoleo dei Tolomei e si uccise facendosi mordere da un aspide.


Fonte Wikipedia - per saperne di più: http://it.wikipedia.org/wiki/Cleopatra_VII